Sportiva Triggiano - Real Casamaxima

Come ogni competizione che si rispetti, anche per il campionato di “III categoria” c’era grande attesa. E domenica 6 novembre ha finalmente avuto inizio. La Sportiva Triggiano se la vede in casa con i ragazzi del Real Casamaxima, in cui milita Gioacchino Prisciandaro, calciatore dal glorioso passato, nelle vesti di allenatore-giocatore. Il fischio di inizio arriva alle 11.15 e si vede già dalle prime battute che sarebbe stata una partita con non molte emozioni, sia a causa del forte scirocco che soffiava sul territorio triggianese, sia dalle gambe ancora un po’ “imballate” dei 22 in campo.

Pochissime le emozioni nel primo tempo: una serie di tentativi piuttosto velleitari da entrambe le parti, terminati o abbondantemente fuori o bloccate dai portieri in quanto centrali. Intorno alla mezz’ora un “lampo” da parte di Nuzzolese, il quale, defilato, punta l’uomo e fa partire un tiro-cross che, a causa della maldestra deviazione di un difensore avversario, si trasforma in una palombella beffarda che porta in vantaggio la squadra triggianese. 1-0 per i padroni di casa. La gioia però dura poco più di 7 minuti, allorquando una sgroppata sulla fascia dell’esterno destro del Real, porta quest’ultimo a crossare basso e permette all’attacante di poter infilare la porta triggianese con un bel tiro di prima insaccatosi sotto la traversa. 1-1. Subito dopo il gol del pareggio, ecco entrare in campo l’atteso Prisciandaro, famoso per aver indossato in passato casacche importanti quali quella, ad esempio, della Cremonese. Nel secondo tempo non accade nulla di rilevante fino al fischio finale dell’arbitro.

 

Alessandro Minicucci

© Riproduzione riservata

Condividi
Giovedì 10 Novembre 2011 14:34